Ferrovie in Rete - Ferrovie nel Mondo

presenta

La linea "Lézard Rouge" in Tunisia
(Reportage del nostro Collaboratore Andrea Selva - Estate 2007)

Una locomotiva diesel con al traino una composizione di 6 vetture nuove fiammanti di un bel color rosso mattone con una fascia giallo oro nella quale trova posto la denominazione della linea "Lézard Rouge" (lucertola rossa) ed una bella targa in bronzo con il logo delle Ferrovie Tunisine (SNCFT - Société Nationale Chemins de Fer Tunisiens). Il treno turistico si compone di 1 vettura salone, 1 vettura bar e 4 confortevoli carrozze di cui 2 di 1^ classe. Il convoglio, con una capacità di 116 posti a sedere, accoglie, quasi quotidianamente, i passeggeri alla Stazione di Métlaoui (situata nel centro-ovest del Paese, fra Tozeur e Gafsa) per partire alle ore 11:00. Il tracciato turistico a scartamento metrico, di 43 km, prevede un tracciato di ex ferrovia mineraria per il trasporto di fosfati e conduce al capolinea di Redeyef, attraversando un suggestivo paesaggio alla scoperta della famose "Gole di Selja" (un canyon inaccessibile salvo che con il treno). Il ritorno è solitamente fissato alle ore 12:45. Possono essere aggiunte ulteriori carrozze al convoglio base quando viene proposto dall'organizzazione ai numerosi turisti una rappresentazione "d'attacco al treno", sullo stile "Lawrence d'Arabia".

Il servizio ferroviario con il nome "Lézard Rouge" iniziò nell'aprile 1974 per un breve periodo di viaggi turistici; fu però nel 1984 che il servizio turistico prese una cadenza regolare sul percorso "Métlaoui - Redeyef" (linea che fu costruita fra il 1906 ed il 1907).

         
Copyright (C) 2000,2001,2002 Free Software Foundation, Inc. Boston, MA 02110-1301 USA

il Réportage del nostro amico e collaboratore Andrea Selva sul percorso Métlaoui - Gole di Selja

          Mappa del Tour
il convoglio                          
il percorso

la Stazione di Métlaoui                  ferrovia Métlaoui-Redeyef

photogallery                                                                                  photogallery

 

torna all'indice di Ferrovie nel Mondo